Lunedì, 20 Novembre 2017

Torre degli Asinelli

Torre degli AsinelliDopo la protezione della Basilica di San Luca, la Fondazione Enzo Hruby è intervenuta nuovamente a Bologna sostenendo la protezione della Torre degli Asinelli.
Simbolo per eccellenza del capoluogo emiliano, la Torre degli Asinelli fu edificata nel punto di ingresso in città tra il 1109 e il 1119. Alta 97,2 metri, contiene al suo interno una scalinata di 498 gradini terminata nel 1684 e presenta sulla sommità un basamento circondato dalla cosiddetta "rocchetta", realizzata nel 1488 per ospitare i soldati di guardia.
Alla fine del XII secolo a Bologna erano presenti più di cento torri come questa, ma ne sono giunte a noi solo una ventina. Realizzate in muratura come all'epoca poche altre costruzioni, svolgevano importanti funzioni militari di segnalazione e di difesa e rappresentavano con la loro imponenza il prestigio della famiglia.
Nell'ambito della protezione del patrimonio culturale italiano, la Fondazione Enzo Hruby si è fatta carico degli oneri per la protezione della Torre affidando alla Società Teleimpianti di Bologna l'incarico di realizzare il progetto, che comprende un sistema integrato antintrusione, di videosorveglianza e di rilevazione incendi.
A conclusione dei lavori, si è svolta a Palazzo D'Accursio la conferenza stampa di presentazione del progetto con l'intervento di Virginio Merola, Sindaco di Bologna, Riccardo Malagoli, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bologna, Carlo Hruby, Vice Presidente della Fondazione Enzo Hruby, e Giulia Barcelloni-Corte, Presidente e Amministratore Delegato di Teleimpianti. Al termine della conferenza stampa si è svolto un brindisi inaugurale all'interno della Torre degli Asinelli dove i presenti hanno potuto osservare il nuovo sistema di sicurezza in funzione.